mercoledì 22 maggio 2013

Abbronzatura perfetta:come scegliere la protezione solare

Ciao Carissime!!!
come state???
siamo a fine maggio...e...non temete, ..nonostante un meteo non stupendo....l'estate arriverà!!!!
per cui dobbiamo farci trovare pronte ad accoglierla nel migliore dei modi....non mi riferisco alla prova costume (aaaargggg), ma...il primo giorno che andremo sulla spiaggia dovranno essere nella nostra bella borsa i prodotti solari più adeguati a proteggere il nostro tipo di pelle.

Non mi rispondete "ho quelli dell'anno scorso" perchè non vanno bene...i prodotti scadono e perdono la loro efficacia...
potrà sembrarvi una spesa inutile ma non è così...per cui fate a meno di un rossetto nuovo o di una magliettina, ma non rinunciate ad una pelle ben protetta!!
Sul mercato troviamo ormai ogni tipo di prodotto, ogni tipo di texture, per rispondere ad ogni esigenza...
cercherò, in questo post di darvi alcune informazioni utili destreggiarvi nella scelta del prodotto giusto..




Quali tipologie di prodotti solari esistono??
 Innanzitutto i solari si possono dividere in due macro categorie...:
solari assorbenti e solari respingenti:
assorbenti:
più diffusi, contengono sostanze chimiche che impediscono la penetrazione nella pelle delle radiazioni solari, catturandole e trasformandole in innocue. Il filtro è selettivo; alcuni prodotti associano più filtri per ampliare la gamma delle radiazioni assorbite ed estendono la protezione anche agli UVA. Per poter garantire la copertura dell’intero spettro solare un prodotto a base di filtri chimici dovrebbe contenerne almeno 3 o 4 di diverso tipo ed in elevate concentrazioni.
respingenti:
riflettono e disperdono le radiazioni, in quanto contengono sostanze minerali (es. ossido di zinco, biossido di titanio, mica) che non lasciano passare i raggi ultravioletti. Riflettono però anche la luce visibile e lasciano sulla pelle un sottile strato bianco esteticamente poco gradevole.
Sono indicati  per chi ha una pelle chiara, con spiccata tendenza agli eritemi o con forme neoplastiche, o per parti del corpo molto sensibili come il naso e le labbra. I filtri sono opportunamente “completati”, a livello di composizione, con altri principi attivi che hanno la funzione di reidratare la pelle (aloe, burro di karitè, allantoina, acido ialuronico, pantenolo, ecc.) e lenire gli effetti nocivi del sole (camomilla o alfa-bisabololo, calendula, malva, acido glicirretico, ecc.).
Qual'è il significato del fattore di protezione (SPF)?
SPF= Sun Protection Factor
Nella scelta del prodotto solare bisogna tener presente il fattore di protezione, cioè il numero che indica per quanto tempo, con l'uso del determinato prodotto,  siamo protetti dagli effetti nocivi del sole. 
Il numero del fattore indica, nella pratica, quante volte è possibile moltiplicare il tempo di permanenza al sole prima che ci sia una scottatura della pelle: ad esempio, un prodotto che ha un fattore di protezione 4 permette di stare al sole un tempo 4 volte più lungo di quello normalmente previsto per non scottarsi (tempo di eritema), esponendosi senza protezione nelle stesse condizioni.
Esistono varie scale di categorizzazione del fattore di protezione, per cui, per poter confrontare prodotti di case produttrici diverse, è necessario controllare che l'SPF appartenga alla stessa scala 
Ecco come l' Unipro (Associazione Italiana Industrie Cosmetiche) ha classificato i fotoprotettori:
Protezione bassa: SPF 2-6;Protezione moderata: SPF 8-12;Protezione alta: SPF 15-25;Protezione altissima: SPF 30-50;Protezione bassa: SPF 2-6;
Quando applicare il prodotto di protezione solare???
Il protettivo deve essere applicato almeno mezz’ora prima di esporsi al sole, per essere ben assorbito e poi, applicato nuovamente nel corso della giornata (ogni 2 ore è l’ideale, in media).
Sono davvero protetta sotto l'ombrellone??
Attenzione al riverbero anche sotto l’ombrellone, specie su spiagge dove la sabbia è molto chiara e riflettente: pur stando al riparo, è opportuno utilizzare il prodotto solare più volte, durante tutta la giornata. 

A che fototipo appartengo?

Fototipo 1

La pelle si presenta molto chiara, diafana, spesso con lentiggini.
I capelli sono rossi o biondo-ramato.
Gli occhi sono chiari (azzurri, verdi, nocciola).
Sotto il sole, il fototipo 1 tende ad arrossarsi molto facilmente. Poiché produce poca melanina non riesce ad abbronzarsi, e per non incorrere in dolorose scottature è necessario che si protegga con filtri solari alti.

Fototipo 2

La pelle si presenta chiara o molto chiara.
I capelli sono biondo scuro o castano chiaro.
Gli occhi sono piuttosto chiari (azzurri, verdi, nocciola, castani)
Sotto il sole, il fototipo 2 tende ad arrossarsi. Poiché produce una moderata quantità di melanina si abbronza solo leggermente e deve proteggersi adeguatamente dalle scottature utilizzando filtri solari medio-alti.

Fototipo 3

La pelle non è particolarmente chiara.
I capelli sono di colore castano, o bruno.
Gli occhi sono tendenzialmente castani, grigi, neri.
Sotto il sole, il fototipo  3 tende ad arrossarsi di meno e a prendere più facilmente un bel colore dorato/bronzato, grazie alle buone quantità di melanina che può produrre. In base al luogo, al tempo e alla gradualità dell’esposizione solare, il fototipo 3  può utilizzare anche solari a filtro medio-basso o senza filtro, a patto che mantengano una buona idratazione dell’epidermide.

Fototipo 4

La pelle è dorata o olivastra.
I capelli sono tendenzialmente scuri, bruni, neri.
Gli occhi sono di colore castano scuro, o neri.
Sotto il sole, il fototipo  4 tende a non arrossarsi e a prendere velocemente un bel colore scuro e intenso, grazie alla quantità di melanina che produce. In base al luogo, al tempo e alla gradualità dell’esposizione solare, il fototipo 4 può utilizzare anche solari a filtro basso o senza filtro, a patto che mantengano una buona idratazione dell’epidermide.

Come scegliere i solare più adatto alla propria pelle??
La prima cosa da fare, avendo capito come funzione l'SPF,  è calcolare il proprio tempo dopo il quale insorgerà l’eritema solare: genericamente, calcolate un’esposizione di 5 minuti per il primo giorno per il fototipo 1, aumentando 5 minuti per ogni fototipo (10 minuti per il 2, 15 per il 3, e così via) e di 5 minuti ogni giorno successivo. Ad esempio, se la nostra pelle è del fototipo 2, il primo giorno si potrà rimanere al sole senza protezione per soli 10 minuti. Utilizzando un protettivo solare con fattore 6 potremo allungare questo periodo ad 1 ora (10 minuti x 6 SPF = 60 minuti). Se si vuole rimanere sotto il sole per un periodo di tempo più lungo, dunque, bisognerà scegliere un fattore più alto.
Quale texture scegliere?
Per quale tipo di pelle e per quale parte del corpo si deve utilizzare quel prodotto? in commercio ci sono varie tipologie, come latte, crema, gel e spray, olio, e la scelta dipende da criteri e gusti personali. In generale, le creme e i gel sono indicati per le parti del corpo non estese (viso, spalle e petto), mentre le altre sono indicate per tutto il corpo.
latti contengono un’elevata percentuale di acqua, sono facilmente spalmabili ma vanno rinnovati più spesso degli altri prodotti perché poco resistenti.
Le creme hanno un’adesività maggiore e generalmente si utilizzano per il viso, in quanto sono più difficili da spalmare.
gel sono più adatti a chi ha la pelle grassa perché il veicolo in cui è disperso il filtro solare tende a dare secchezza alla pelle.
Gli oli solari normalmente hanno indici di protezione bassi, conferiscono lucentezza alla pelle e facilitano la penetrazione delle radiazioni. Non sono consigliati nel caso di carnagioni chiare.
Gli spray sono pratici da applicare. Molto comodi da utilizzare per i bambini.

In generale preferite prodotti resistenti all’acqua: quelli definiti impermeabili all’acqua (”waterproof”) mantengono la loro efficacia anche dopo 80 minuti di immersione nell’acqua, mentre i prodotti definiti resistenti all’acqua (”water-resistant”) sono ancora efficaci dopo 40 minuti.
e dopo il sole, di cosa ha bisogno la nostra pelle?
L’esposizione prolungata alle radiazioni solari sottrae alla pelle quantità considerevoli di liquidi che, se non reintegrati, causano fenomeni di secchezza e di desquamazione. Fondamentale dunque, è l'utilizzo  di una crema idratante o un prodotto doposole che abbiano funzioni restitutive e lenitive;
In commercio sotto diverse forme (emulsione, gel, crema ecc.), sono tutte caratterizzate da un’elevata presenza di acqua, quindi una facile evaporazione dell’acqua che sottrae calore al corpo e dona una sensazione di frescura e sollievo e idratano e conferiscono elasticità alla pelle. 
Prolungare l'abbronzatura?
Io diffido dei prodotti da utilizzare dopo l'esposizione al sole per prolungare l'abbronzatura, poichè  la pelle si rinnova continuamente ed elimina naturalmente gli strati superficiali per cui, l’abbronzatura è destinata a scomparire. Bisogna ricordarlo ed accettarlo!
Vi consiglio però di fare un bello scrub corpo e viso prima di un'esposizione prolungata al sole (es prima delle vacanze) ed idratare bene la pelle.. 
Consigli salva portafoglio:
Come avrete capito la protezione è fondamentale per una corretta abbronzatura, ma, certo è comprensibile non voler spendere soldi inutilmente...
Io consiglio di tener d'occhio le offerte nei vari punti vendita della vostra città...in questo periodo è possibile riuscire a trovare offerte e promozioni..
es le profumeria La Gardenia effettuano il 40% di sconto sul secondo prodotto acquistato, Bottega Verde ha alcuni solari in promozione a 6.99
Io, per esempio non utilizzo il doposole, evitando così l'acquisto di un prodotto..e lo sostituisco con una crema nutriente, che utilizzo tutto l'anno..
I primi giorni di esposizione al sole occorrerebbe utilizzare un SPF più alto, rispetto a quello necessario quando la pelle è più abbronzata...
Non volete acquistare due prodotti??
Avendo visto che il fattore di protezione è relativo al tempo in cui la pelle rimane protetta, acquistatene uno medio e, nei primi giorni, applicatelo più frequentemente.
La mia scelta:
Io ho la pelle molto scura, ma nonostante questo utilizzo una protezione molto alta, perchè la mia pelle attira molto i raggi solari..e preferisco proteggermi..utilizzo però una protezione diversa per il viso e per il corpo...50 SPF per il viso e 30 per il corpo..

Scusate per il post un pò lungo, ma spero che via possa essere utile per la scelta del prodotto più adatto alla vostra pelle e alle vostre esigenze.

10 commenti:

  1. Ottimo questo post!
    Tante cose sull'SPF proprio non le sapevo.
    Io non mi scotto facilmente e mi piace molto stare al sole, sono una testona e non uso la protezione adeguata, il più delle volte.
    Credo che farò più attenzione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono contenta che ti possa essere stato utile il post... baci

      Elimina
  2. bei consigli!!! per me l'abbronzatura è sempre una nota dolente :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché Laura?? pelle delicata?
      baci...

      Elimina
  3. Post scritto veramente bene! Io sono sempre alla ricerca dell'abbronzatura perfetta per l'estate (e non) e mi è servito molto leggere il tuo post. Nuova follower ♥

    RispondiElimina
  4. grazie Sue..
    sono contenta che ti sia stato utile il post!!
    bacini

    RispondiElimina
  5. ottimo questo post!!!
    io utilizzo creme solari ad alta protezione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara!! e fai bene...meglio non rischiare!! :-)

      Elimina
  6. Post utilissimo! Quest'anno farò sicuramente molta attenzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Vanessa...
      bastano poche accortezze per creare danni alla nostra pelle..vale la pena fare attenzione!!
      baci

      Elimina